/* */ */

Frode assicurativa: indagini per accertamenti assicurativi

Frode assicurativa: indagini accertamenti assicurativi

Tutto ciò che c’è da sapere sulle frodi assicurative, gli accertamenti e le investigazioni da eseguire.

La frode assicurativa è un atto commesso proprio per truffare, quindi frodare, attraverso una serie di comportamenti definiti illegali per aumentare l’incasso di un rimborso da parte della compagnia assicurativa.

Ad oggi questo è un reato compito da una moltitudine di soggetti che principalmente si adoperano ai danni del ramo rc auto, senza dimenticare danni elementari, speciali e alla salute.


Il Codice Penale affronta questa problematica all’articolo 642, stabilendo la frode assicurativa come: “Chiunque, al fine di conseguire per sé o per altri l’indennizzo di una assicurazione o comunque un vantaggio derivante da un contratto di assicurazione, distrugge, disperde, deteriora od occulta cose di sua proprietà, falsifica o altera una polizza o la documentazione richiesta per la stipulazione di un contratto di assicurazione è punito con la reclusione da uno a cinque anni.”

Quindi si, la frode assicurativa è un reato punibile secondo il Codice Panale, ma cerchiamo di capirne di più…

Tutto sulla Frode Assicurativa

Come detto, per frode assicurativa si intende un comportamento illecito, ma soprattutto illegale che dei soggetti tengono per ottenere dall’assicurazione ciò che loro non spetta. Di frode assicurativa ormai se ne parla molto, ma nella sostanza, ma Come riconoscere una frode assicurativa? Chi sono i soggetti interessati? A chi bisogna rivolgerci?

Il bene che viene tutelato è sostanzialmente il patrimonio delle compagnie assicurative, in via diretta, mentre in via indiretta è quello di tutti gli assicurati e la collettività. Nella frode assicurativa si identificano due soggetti con interessi e obbiettivi fra loro contrapposti:

  • Soggetto attivo: Truffatore, colui che vuole frodare ed incassare il denaro che l’assicuratore eroga a titolo di risarcimento
  • Soggetto passivo: Soggetto assicurativo che viene “truffato”

La frode assicurativa la si riconosce in base a determinate condotte tenute dai soggetti attivi, e affinché si configuri tale reato, sono state identificate nella:

  1. Dispersione, deterioramento, distruzione od occultazione di cose di sua proprietà;
  2. Causare a sé una lesione personale o aggravarne le conseguenze;
  3. Falsificare o alterare una polizza o altro documento per la stipulazione di un contratto di assicurazione; Falsificazione o alterazione di elementi di prova o documentazione relativi al sinistro.
  4. Denuncia di un sinistro mai accaduto.

Cosa importante da specificare è che per configurarsi tale reato è necessario che vi sia un contratto valido e in corso.

Frode assicurativa: indagini per accertamenti assicurativi

Per accertare che tale frode esista bisogna chiedere delle indagini per accertamenti assicurativi. Queste indagini sono richieste da privati, società o aziende di assicurazioni. Attraverso queste indagini è possibile verificare gli accertamenti di sinistri stradali; Risarcimenti sul lavoro; Tentativi di frode assicurativa ai danni delle stesse società assicurative; Responsabilità professionali.

Essendo un reato a facile diffusione, con l’ausilio di investigatore assicurativo è possibile effettuare tutti i controlli e verificare che ciò sia davvero o stia davvero accadendo.

Quindi, per accertare le dinamiche del reato, le compagnie assicurative attraverso delle investigazioni assicurative eseguono delle indagini mirate. Queste indagini possono riguardare diversi mezzi di prova, purché utili al fine di smascherare una frode assicurativa:

  1. Si parte analizzando le dichiarazioni delle parti coinvolte, come assicurato, controparte, eventuali testimoni.
  2. Da qui vi deve essere una ricostruzione dettagliata dell’evento attraverso documentazioni fotografiche.
  3. Come “ultima fase”, nonché la più importante, è quella di acquisire la documentazione utile per la ricostruzione del sinistro, quindi valutare la dinamica attraverso i verbali delle FF.OO ed i referti medici. Completando tutta l’indagine attraverso ulteriori documenti e dichiarazioni di periti, agenzie infortunistiche e studi legali.

Le frodi sono un reato penale e per tale vi sono delle pene da scontare. Le pene vanno da un minimo di uno a un massimo di cinque anni di reclusione.

Connect